Dettagli

L’Associazione costruttori edili di Teramo denuncia il rischio fallimento di tante imprese a causa dei ritardi nei pagamenti delle opere pubbliche. Sono passati due anni dal sisma e mancano all’appello 11 milioni di euro sui 20 appaltati. Anche la ricostruzione privata è al palo per carenza di personale tecnico

Categoria:

ATTUALITA'

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata. Required fields are marked *

*