In Abruzzo Pil cresciuto del 6,3% nel 2021

0
42

Secondo l’indicatore trimestrale dell’economia elaborato dalla Banca d’Italia, nel complesso del 2021 il prodotto interno lordo regionale “sarebbe cresciuto del 6,3 per cento in Abruzzo” a fronte di un 6,6 per cento in Italia, in base ai dati dell’Istat. Lo si legge nel rapporto
annuale di Bankitalia sull’economia in Abruzzo, presentato oggi nella filiale dell’Aquila dal direttore Giovanni Giuseppe Ortolani. “In Abruzzo, come nei resto del Paese – si legge – il 2021 è stato segnato dalla pandemia. Dopo il marcato rimbalzo registrato nel primo semestre rispetto allo stesso periodo del 2020, caratterizzato dal lockdown, il recupero è proseguito nella seconda parte dell’anno”. Un trend che però fa i conti con i rincari delle materie prime e dell’energia. “Le crescenti difficoltà nell’approvvigionamento di alcuni input produttivi e
i rincari dei beni energetici, acuitisi ulteriormente nei primi mesi del 2022 con lo scoppio del conflitto in Ucraina – prosegue l’analisi – potrebbero compromettere la prosecuzione della fase di recupero”.