Rigopiano. Il ricorso della Procura: “Classe dirigente impunita”

0
190

Nelle oltre 300 pagine che formano il ricorso in appello della procura di Pescara, contro la sentenza di primo grado del processo sul disastro dell’Hotel Rigopiano, il procuratore capo Bellelli e i sostituti Benigni e Papalia, stroncano le valutazioni compiute dal giudice, “il quale ha escluso la fondatezza della maggior parte delle contestazioni – evidenzia l’accusa – fondandosi esclusivamente sul giudizio, dei periti nominati d’ufficio, che la valanga non fosse prevedibile”.